Wednesday
26/Jul/2017
15:42
Main
Publisher
FANTASCIENZA E NON SOLO Welcome Guest | RSS Registration
Login
Site menu

Logo

web polls
Rate my site
Total of answers: 28

IP Address

login

Main » Articles » My articles

Shades of life (Lain) di Glinda Izabel


Shades of Life (Lain)

Shades of life 

di Glinda Izabel

Pag. 164 (attualmente esiste solo l'ebook)

ISBN-13: 9788876252778

Ed. Fazi

 

Quarta: Pensava che la morte fosse la fine — poi l’amore la riportò alla vita.

Juniper Lee potrebbe concedersi ogni lusso. Potrebbe viaggiare senza preoccuparsi di avere una destinazione, abbandonarsi a ogni sorta di eccesso senza temere ripercussioni.

Ma non c’è nessun bene materiale che possa distrarla dalla solitudine che la divora, perché Juniper è uno spettro intrappolato in una dimensione dai contorni indefiniti.

Il suo cuore non batte realmente, e tutto di lei - i suoi respiri, i suoi sorrisi, le lacrime che spesso le solcano le guance, sono solo l’eco di una vita ormai lontana.  Juniper è sola e non possiede alcun ricordo. L’unica memoria che sollecita la sua mente, sin da quando si è risvegliata nella sua nuova forma spettrale, è quella di un nome. Il suo. Unica eredità della ragazza che doveva essere stata un tempo. Eppure, nonostante sembri non esserci nulla a legarla al mondo dei vivi, Juniper non riesce a seguire il raggio di luce che potrebbe aprirle le porte dell’aldilà.

Quando alla sua porta si presenta Logan, attraente ragazzo dallo sguardo scintillante, tutto per lei si tinge di nuovi e abbaglianti colori. Logan è diverso dagli altri spettri, è come se in sé nascondesse qualcosa di unico, che l’attrae in modo irresistibile.
Qualcosa di inspiegabile avviene quando i due si toccano, come l’esplosione di una forza celestiale. E un ingranaggio si smuove nei recessi della mente di lei, facendole provare sensazioni mai conosciute prima. Sensazioni che profumano di ricordi sopiti e verità dimenticate. Sensazioni che potrebbero rispondere alla domanda che l’ha assillata sin dal giorno del suo risveglio: chi è davvero Juniper Lee?

 

Trama-Spoiler: Juniper, una giovane deceduta da poco, sopravvive malinconicamente come spettro in una biblioteca. L’incontro improvviso con un altro fantasma, un ragazzo affascinante morto da pochissimo tempo, fa riemergere frammenti di ricordi, sensazioni aliene, pulsioni, rimorsi. Quel giovane, di nome Logan, non sa di essere morto: come farà la bella Juniper a renderlo consapevole della realtà senza ucciderlo una seconda volta?

 

Intreccio: Il romanzo parte poderosamente, introducendo da subito un’interessante ghost story. Tuttavia la narrazione rallenta gradualmente, via via che Juniper si cimenta con il suo doppio travaglio: proteggere Logan affinché non raggiunga la consapevolezza e se stessa dagli assurdi incubi che la costringono a rivivere un’esistenza non sua. Il finale è decisamente melò.

È un romanzo a due velocità, ora avvincente, ora introspettivo e denso. Nel complesso spicca l’elemento romance a discapito del fantastico.

 

Stile: Colto e curato.

L’autrice come noto è un blogger-recensore onnivoro e dal suo stile emerge una cultura letteraria chiaramente sopra media.

Lo stile alle volte risulta ampolloso e pedante, specie quando Juniper si chiude in lunghi e sofferti monologhi interiori.

Nel complesso la lettura si è rivelata interessante se pure un filino impegnativa.

 

Giudizio: Shades of life è un’opera di esordio incoraggiante, un ghost romance dolce, sofferto e a volte opprimente, ma nel complesso di buona qualità.

La sintassi e la grammatica sono perfette, ottima la scelta della punteggiatura, raffinato lo stile, un po’ morta la parte centrale. Un esordio non perfetto ma di sicuro encomiabile, anche in considerazione degli ampi margini di miglioramento a disposizione dell’autrice.

Category: My articles | Added by: edorzar (21/Sep/2013)
Views: 341 | Comments: 2 | Rating: 3.5/2
Total comments: 1
1  
Caro Edozar, ti ringrazio per questa recensione. E' da quando mi hai annunciato che avresti letto il mio libro, che cerco di immaginarti: tu con il tuo piglio un po' severo, con i mano la mia storia d'amore. Ammetto che ogni volta l'immagine mi scatena un sorrisino impertinente, ma anche un moto di orgoglio! E' un onore sapere che tu abbia voluto dare una possibilità alla mia primissima creatura, recensendola addirittura! Conserverò gelosamente i tuoi complimenti e ancor più gelosamente i consigli.  

Un abbraccio, Glinda

Only registered users can add comments.
[ Registration | Login ]
Search

Site friends

Section categories
My articles [56]


Copyright MyCorp © 2017