Wednesday
26/Jul/2017
15:28
Main
Publisher
FANTASCIENZA E NON SOLO Welcome Guest | RSS Registration
Login
Site menu

Logo

web polls
Rate my site
Total of answers: 28

IP Address

login

Main » Articles » My articles

recensione romanzo gothic-weird "Scarn la nuova era dei vampiri" di Alexia Bianchini





Scarn



Scarn

La nuova era dei vampiri

Di Alexia Bianchini

pag. 278

Edizioni Linee infinite



Trama

Ambra è una ragazzina generata da una vampira e un mezzosangue e vive un’infanzia e un’adolescenza da reclusa, soggetta alle rigidissime regole notturne dei vampiri. Inizialmente triste e angosciata, sopperisce alla solitudine con un impegno encomiabile profuso nella lotta e nel combattimento,  dove mette a frutto gli ottimi insegnamenti del padre. Tuttavia all’età di quindici anni incomincia a frequentare una scuola notturna per vampiri, dove conosce il bel mezzosangue David e sua sorella Mindy, nella quale  troverà conforto e amicizia. Di lì a poco, approfittando della segregazione familiare cui è sottoposta durante il ciclo, comincerà a uscire durante giorno, scoprendo che la sua pelle resiste benissimo ai raggi del sole. In quattro e quattr’otto capirà:

  • di non essere una mezzosangue ma un’umana (carnale) doc, immune alla luce e all’argento e capace di alimentazione non ematica;
  •  di essere stata reclusa per esigenze protettive nei confronti dei suoi simili, che carnali non sono e nei cui confronti rappresenta ‘cibo che cammina’;
  • di amare David, malgrado questi la respinga.

Raggiunta questa consapevolezza di sé il personaggio di Ambra decolla insieme al romanzo, si scoprirà così che questi Scarn che danno titolo al libro altri non sono che una setta minoritaria di vampiri lascivi e violenti, capaci di sovvertire in un prossimo passato l’intero pianeta, infettando o dissanguando l’intera civiltà umana con una serie di cruenti assalti a sorpresa, non condivisi con i vampiri estranei alla congrega. Una donna di nome Norma però è  a capo dei partigiani carnali e il suo rocambolesco incontro con Ambra manderà a carte quarantotto i piani degli Scarn, limitati al semplice uso e consumo degli umani superstiti, al pari di semplici polli da cortile. 

Ambra in pochi mesi si evolverà da quindicenne graziosa ma impacciata a guerriera spietata e implacabile e condurrà l’intero popolo dei vampiri non Scarn a una facile vittoria contro la dispotica setta e il loro fondatore, il reietto (e forse pentito?) Van. Il suo amore con David, personaggio minore e sempre in ombra, coronerà la sua definitiva maturazione in donna.

Stile 

Lineare e veloce, molto piacevole. L’autrice non è un’esordiente e si vede, il racconto scorre facilmente ed eccettuato qualche cripticismo nei cambi di scena (ad es. si passa troppo in fretta dal castello nel quale David è  stato imprigionato alle investigazioni casuali di Ambra e viceversa) possiamo definirlo fluente. In alcune pagine, specialmente all’inizio e alla fine, l’editing pare essere stato svolto in somma approssimazione.

Intreccio

Semplice e ben assortito, il romanzo in realtà ruota solo ed esclusivamente intorno alla graziosa Ambra, che agli occhi del lettore crescerà giorno dopo giorno, fin troppo in fretta. La vampirina -che vampira non è- nasce bambina timorosa e nel volgere di novanta pagine diviene una temibile guerriera, capace di mozzare a suon di frustate almeno trenta teste di altrettanti nemici. Il narrato è comunque sempre composto e pudico e non indulge a certe sconcezze non rare nella letteratura weird d’appendice. Gli altri personaggi, a cominciare da David e dai genitori di Ambra, sono poco più che abbozzi, e se David ha una sua tenute personalità i genitori sono caratterizzati quanto basta per non sparire nel narrato. Altri protagonisti non ce ne sono e tutto il resto è azione, tanta sana e godibile azione.

Giudizio 

Scarn è un buon romanzo che un editing più approfondito renderebbe ottimo. L’autrice non cade nelle trappole più frequenti di questo genere, così abusato dagli adolescenti, limita i ‘bacini baciotti’ sotto la soglia dell’essenziale e con maestria e furbizia crea una vera e propria Giovanna D’arco del ventiduesimo secolo. Come detto il romanzo è molto semplice nell’organizzazione di base e ciò non è affatto un male. Scarn è un eccellente prodotto d’evasione e intrattenimento, un libro orientato soprattutto a un pubblico under 40 che non dispiacerà a nessun lettore.



Voto 7



Category: My articles | Added by: edorzar (07/Mar/2011)
Views: 562 | Comments: 2 | Tags: alexia bianchini, fantasy planet, Vampiri | Rating: 3.0/2
Total comments: 2
2  
Esordisco con un: "Grazie", dato che la tua recensione è onesta e schietta. Dalle tue parole e dalla tua opinione posso essere certa che tu abbia letto il romanzo con attenzione, e di questo ne sono doppiamente grata.
Dai lettori ho percepito che la dinamicità del mio libro è cosa gradita, sebbene io abbia dato troppo spazio all'azione, questo è vero, a scapito delle descrizioni.
Spero di compensare con il seguito!
Ciao
Alexia

1  
Conosco l'autrice e ho seguito un pò la stessa genesi di 'Scarn'. Posso confermare che il romanzo nelle intenzioni di questa romanziera milanese vuol esser più simile agli scenari post-apocalittici di 'Io sono leggenda' di Matheson che agli sbaciucchiosi e sbriluccicanti vampiri di 'Twiligh'! In buona sostanza più sci-fi che fantasy dark, più eroine alla Buffy che belle innamorate, più azione che love-story!

Only registered users can add comments.
[ Registration | Login ]
Search

Site friends

Section categories
My articles [56]


Copyright MyCorp © 2017