Friday
22/Sep/2017
14:37
Main
Publisher
FANTASCIENZA E NON SOLO Welcome Guest | RSS Registration
Login
Site menu

Logo

web polls
Rate my site
Total of answers: 28

IP Address

login

Main » Articles » My articles

Recensione romanzo Automatismo Meccanico di Barisone & Davoli


Immagine


Titolo: Automatismo meccanico
Autore: Barisone Daniela; Davoli Marika
ISBN: 9788897239062
Prezzo: 8,50 euro
Dati: 2011, brossura

Pagine: 81

Editore: I LOVE Books 




Quarta di copertina: 
Lord Michael Pritch fa un acquisto piuttosto azzardato. Un robot non è facile da mantenere, soprattutto quando manca totalmente di voglia di lavorare. Billie dovrebbe obbedire agli ordini del suo padrone, eppure, pur essendo un robot, è un ribelle della peggior specie. Nonostante il carattere "umano” di Billie e i suoi scontri con la governante di casa, Milord si affeziona ogni giorno di più a quel robottino dagli occhi verdi. Lo ama fino allo spasimo, ma gli esseri umani non sono stati creati per amare degli automatismi meccanici. Una favola romantica in salsa steampunk vecchio stile che va contro il razzismo sessuale, dove non importa essere maschio o femmina, uomo o robot. Infine avrete una piccola visone del Creatore di tutte le cose, che non è poi così terribile come la gente crede che sia. Anzi, ha parecchio senso dell’umorismo.

Trama: 
Lord Pritch si invaghisce a prima vista del grazioso automa Billie, suo pessimo androide maggiordomo, languido ed efebico tentatore. La latenza omosessuale del protagonista umano esploderà di colpo e lord Pritch una notte procederà a sodomizzare ripetutamente l’automa. Billie dopo alcune pavide titubanze, dovute più all’insensibilità del padrone che a effettivo pudore, acconsentirà a quell’amore contro natura, malgrado l’epoca (ovviamente vittoriana) in cui è ambientato il breve romanzo non sia tra le più permissive in tema. I due amanti, attorniati da una governante-piovra, da non meglio precisati palafrenieri e cocchieri e da sir Coole, amico fraterno di lord Pritch, proseguiranno nella loro storia d’amore fino alla morte di lord Pritch medesimo, i quale riapparirà ormai anziano, sposato e padre di vari figli ma… senza rimpianti, consapevole di aver trascurato la famiglia per continuare ad amarsi con Billie e pertanto rassegnato a morire col solo conforto del robot e dell’altrettanto attempato sir. Coole. 
Dopo la morte però sarà il Creatore, alias Dio in persona ad accoglierli in una sorta di paradiso… già, questo Dio-costruttore che aveva precedentemente dato l’anima a Billie, dopo aver perforato alcune schede sul proprio computatore a vapore, concederà alle anime dei protagonisti di condividere l’eternità.

Stile: 
Il romanzo è breve e lo stile utilizzato estremamente semplice e scorrevole. La lettura è piacevole, malgrado il contenuto non eccessivamente rilevante, trattandosi di opera solo formalmente steam punk, e sostanzialmente umoristica-slash. L’editing è talvolta assente e non sono rare ripetizioni inter-periodo o piccole incongruenze lessicali. Decorosa la sintassi.

Intreccio: 
La storia è breve, intensa e descritta alla massima velocità. Il lettore non si annoia e il romanzetto si ‘beve’ in un paio d’ore senza intoppi. Intorno all’amore proibito, unico spunto di riflessione del testo, flottano alcune simpatiche trovate quali la rivalità tra la governante-piovra e l’imbranatissimo Billie nonché varie gaffe di lord Pritch, il quale spesso è descritto come un goffo sprovveduto. Le figure di contorno, incluso lord Coole e ancor di più l’arguto Creatore, sono soltanto piccoli diversivi parlanti.

Giudizio: 
Automatismo Meccanico è una lettura da ombrellone che del sub-genere SF a cui vorrebbe appartenere reca soltanto la cornice. Tuttavia una simile letturetta non danneggia il fruitore, che spesso è portato a ridere di gusto. Non siamo certo di fronte a un capolavoro mancato, ma a un libriccino gradevole e rilassante.

Il voto è positivo: 6+.

Category: My articles | Added by: edorzar (14/Apr/2011)
Views: 552 | Comments: 1 | Tags: livin derevel, scrittevolmente, steam punk, daniela barisone, marika davoli | Rating: 1.8/4
Total comments: 1
1  
Beh, è un onore per me essere stata citata in un sito come questo, proprio per una per cui la fantascienza è qualcosa di assolutamente fuori luogo!
E' stata la prima volta che ho scritto qualcosa di steampunk, quindi sono onorata di non aver fatto poi così schifo, è stato il mio primo esperimento, ammetto benissimo che avrei potuto fare di meglio, ma la storia era partita per essere un semplice svago tra noi due, quindi diciamo che non mi posso lamentare per il risultato ottenuto.
Come hai detto tu è qualcosa di semi-umoristico, per riderci un po' su e leggerselo in un pomeriggio.
La prossima volta cercheremo di dare il meglio!
Saluti. E grazie ancora!:)

Only registered users can add comments.
[ Registration | Login ]
Search

Site friends

Section categories
My articles [56]


Copyright MyCorp © 2017