Wednesday
26/Jul/2017
15:43
Main
Publisher
FANTASCIENZA E NON SOLO Welcome Guest | RSS Registration
Login
Site menu

Logo

web polls
Rate my site
Total of answers: 28

IP Address

login

Main » Articles » My articles

Recensione antologia STRANI NUOVI MONDI 2011




  • Brossura 150 Pagine
  • ISBN-10: 8862760876
  • ISBN-13: 9788862760874
  • Edizioni Della Vigna
  • Mar 01, 2011


Piccola antologia che racchiude i cinque racconti premiati al prestigioso premio "Giulio Verne”, celebrato in Bari. 

I racconti non sono equilibrati e discrepanze tra le stature dei cinque autori coinvolti sono molto evidenti.

‘Il Cacciatore’ di Francesco Troccoli, I premio, in effetti è il migliore. Si narrano le vicissitudini di Tobruk, cinico ex miliziano divenuto cacciatore di taglie, costretto dalla necessità di danaro a catturare un temibile dissidente, che da molto tempo governa il pianeta Harris IV e il distretto minerario di Ferro 7 in nome della Lega, senza però versarle i dovuti crediti erariali.

A sorpresa il misterioso dissidente si rivelerà essere un suo fraterno amico l’ex miliziano Hobbes. Su Ferro 7, si scoprirà, sono in atto ardite sperimentazioni, volte a riscoprire il sonno, oramai non più praticato dalla razza umana, che di conseguenza ora ha un’aspettativa di vita intorno ai cinquant’anni. Un racconto completo e interessante, scritto in maniera fluida e con pochi tecnicismi. Il finale non voglio rivelarlo, anche perché da questo testo prederà le mosse il romanzo d’esordio dell’autore, di prossima pubblicazione. Brano ottimo.

Voto 8 e 1/2

 

‘Tommaso e le stelle’ di Michele Piccolino è un tristissimo racconto che porta il lettore a rivivere, mediante i flashback del protagonista, la tragica morte di un meccanico alla prima esperienza di volo spaziale, che non aveva mai visto il Sole. Tommaso, questo il nome del meccanico, in seguito a un’esplosione accidentale sarà disperso nello spazio profondo e durante la sua levitazione nel cosmo prenderà coscienza dell’inutilità umana, trovando alfine la pace interiore insieme alla morte. Poetico e interessante, brano più che buono.

Voto 8

 

‘Radio segreta Marconi’ di Simone Conti è un racconto lungo, un complicatissimo misto di distopia e ucronia ambientato alla fine della I guerra mondiale, che vede la presenza attiva di Francesco Baracca spalleggiato dal nobile pilota Ruffo di Calabria da un lato, quella di Guglielmo Marconi (e staff) e di una sua incredibile crono-radio dall’altro. I riferimenti storici sono spesso sballati, ma lo stile è sicuro e l’ambientazione risulta credibile. Buon brano, il finale però lascia alquanto a desiderare…

Voto 7

 

‘Gli effetti collaterali dell’amore’ di Stefano Mascella è un debole racconto di soft sf rivolto essenzialmente a bambini e adolescenti. In una futura terra surriscaldata, poche entità metropolitane sopravvivono sotto enormi cupole e affidano i propri governi a strani androidi, perfetti ed equilibrati ma… cannibali. Ogni androide sceglierà periodicamente una  sposa e se la mangerà dopo la prima notte di nozze.

Ovviamente la prescelta Morphea non ci sta ad accettare quest’orrida fine, e offesa dall’insensibilità dello sposo meccanico innescherà una curiosa rivoluzione, che la porterà a governare, con poteri dittatoriali, la sua metropoli.

È il racconto peggiore, malgrado lo stile limpido e accattivante ho trovato il tema molto, molto tenue e inadatto anche a un pubblico giovanissimo. Brano scadente.

Voto 4

 

Ho sognato una spiaggia Bianca’di Ida Vinella è un racconto pigmalionesco, incentrato sugli esperimenti di un attempato scienziato, che riuscirà sì a costruire automi splendidi e a dotarli di vita e anima, salvo poi pentirsene e negare all’umanità il frutto di queste scoperte. Il tema è molto risalente e abusato, il finale rococò non mi ha soddisfatto. Buono lo stile ma brano mediocre.

Voto 5 -

 

Complessivamente si tratta di una buona antologia, i primi tre racconti premiati sono eccellenti (soprattutto i primi due) e hanno qualcosa di nuovo da trasmettere perfino al lettore più esigente. I due ‘premi speciali’ sono invece racconti modesti, che stonano al confronto dei precedenti. Traendo le somme, vale la pena di acquistare questa antologia, ma lo squilibrio presente fra le diverse qualità selezionate non potrà passare inosservato.


Voto complessivo 7 






EDORZAR


Category: My articles | Added by: edorzar (10/Sep/2011)
Views: 22005 | Tags: francesco troccoli, edizioni della vigna | Rating: 3.5/2
Total comments: 2
1  
Grazie Vito, della recensione del mio racconto e del voto che gli hai dato. Spero che, quando uscirà, possa piacerti anche il romanzo. happy

2  
Vedremo, nemico Troccoli. Con Odio immutato... tongue

Only registered users can add comments.
[ Registration | Login ]
Search

Site friends

Section categories
My articles [56]


Copyright MyCorp © 2017