Wednesday
26/Jul/2017
15:43
Main
Blog
FANTASCIENZA E NON SOLO Welcome Guest | RSS Registration
Login
Site menu

Logo

web polls
Rate my site
Total of answers: 28

IP Address

login

archivio

Main » 2012 » October » 3 » Tutto il resto è noia
23:11
Tutto il resto è noia

L’estate è finita, il caldo per fortuna ha smesso di torturarci e il Cosmobabbuino di ritorno dalla savana ha avviato un processo di rinnovamento a lungo termine che, considerato ciò che ha di fronte, non potrà che sortire esiti positivi.

Spiace a dirlo, ma è giunto il momento di fare scelte drastiche, alcune sono già state effettuate e altre seguiranno.

Ho deciso di ripulire i miei contatti su facebook e di ridimensionare del 500% ogni mia  velleità scrittoria, poiché la guerra dei topi sui social network non la sopporto più e la mia tranquillità personale non ha prezzo.

Vivere in attesa di notizie di corridoio sul tipo "Dopodomani apre un editore nuovo, lui è un coglione ma proprio perché non capisce niente di libri gli spedisco il mio romanzo e mi propongo come collaboratore, dai, vedrai che se me lo cucino mi metto in tasca almeno tre-quattromila euro…” è mestiere da comari di ballatoio, non di scrittori.

Parimenti, dire "Se mi mandano testi di merda, tanto peggio per loro, pagheranno di più” non è parlare da editor, ma da venditore di pentole.

È pur vero che a fronte di tanti, tantissimi scrittori sconosciuti, qualcuno valido, qualcuno medio, altri da buttare, staziona una domanda di mercato asfittica, se di domanda si può ancora parlare.

Tempo addietro avevo blandamente criticato il sito del Writer’s Dream, dopo il suo improvviso cambiamento di rotta in riferimento ai POD. Si sa che la 'Rando band' inizialmente era del tutto contraria a tale forma di pubblicazione, ma successivamente, dopo l’inevitabile scontro con la realtà (almeno è quanto credo), non ha potuto far altro che correggere il tiro.

Editori gratuiti pochi – scrittori troppi e non tutti validi... ok, è una proporzione datata e scontata. Le conseguenze però non sono matematiche, bensì sociali. Facebook, mio social network preferito, è diventato una Shangai di mercanti-autori e pubblicani-editori, ogni sera quanto accedo al mio profilo sono accolto da dozzine di inviti a presentazioni librarie di sconosciuti, frotte di segnalazioni di romanzi (metà dei quali pubblicati a pagamento), post  deliranti di autori e soprattutto autrici in cerca di gloria, flame costruiti a tavolino per screditare questo o quell’autore o editor a beneficio di quell’altro e/o quell'altro ancora, deliri, trolleggiamenti e addirittura gruppi chiusi gestiti da editori a pagamento che sfidano coraggiosamente gli autori a trovarsi un editore free; a tacere di certi autori (e soprattutto autrici) già affermati che pontificano con spocchia e supponenza del tipo "Io non perdo tempo a leggere esordienti” o "Io non perdo tempo a leggere testi pubblicati su pod” e altre cazzate del genere.

Ho provato a resistere, ad ‘adeguarmi’ come si usa dire adesso. Si sa che l'elasticità mentale è una risorsa umana importantissima, alla quale attingere in ogni momento, specialmente durante la scrittura e la promozione di un  testo.

Tuttavia il mio esperimento è fallito, evidentemente non sono abbastanza elastico e negli ultimi mesi sono stato capace solo di litigare con vari autori, editor, curatori di riviste o collane et similia.

Tanta rigidità non mi giova, il dire sempre pane al pane non é una virtù ‘spendibile’, se per il mio prossimo romanzo "La maschera di Pazuzu” ho avuto gioco facile a trovare un editore free in un paio di mesi, non credo che avrò altrettanta fortuna per il ben più impegnato "Ainor l’apolide”.

Solo io potevo pensare di scrivere un tributo al grande Solzenicyn, non posso dire che sia stata un’idea geniale ma ciamma fa', piuttosto che inseguire zombie arrapati e andro-vampiri, ho preferito ispirarmi a un premio Nobel per la letteratura. Non ho idea di quando finirò il romanzo né di che cosa ne verrà fuori, fatto sta che per quei pochi interessati lo pubblicherò a puntate su questo stesso blog, perché stavolta l’editore non lo troverò mai, né mi va di scemunire nel cercarlo.

Sono diventato cinico, me ne rendo conto, ma dopo aver subito alcune assurde esclusioni da parte di riviste, siti e collane che pure hanno arruolato cani e porci, dopo aver tentato una sana autocritica e avere riletto le mie nefandezze letterarie, dopo avere in ultima analisi visionato i lavori che mi erano stati preferiti… ho capito che alcuni meccanismi, poco letterari e molto politici, mi sfuggono per ragioni GENETICHE.

Da cui, ho smesso di partecipare a concorsi e selezioni non ufficiali e d’ora in avanti scriverò racconti solo per chi me lo chiede espressamente, garantendomi da subito la pubblicazione. Sì perché di ritrovarmi superato da un’altra mantide che ce l'ha calda (censura), da un umanoide di merda (non me lo sono inventato) o da un vampiro goloso di macedonia con la panna (...) non mi va’ più!






La mia assenza dalle competizioni non sarà un problema per nessuno, neanche per me, che anzi ho già messo a frutto la maggiore disponibilità di tempo. Le Scritture Aliene sono già all’albo n. 9 (un numero superlativo) e continuano lentamente a incrementare le vendite.

I racconti del n. 9 sono tra i migliori dell'intera raccolta, forse anche perché l'albo, fatta eccezione per la bravissima esordiente Katia Guido, è monopolizzato dai veterani della collana: Stefano Roffo, Tommaso Russo, Simone Messeri, Claudio Cordella e il figliol prodigo Daniele Vergni, tutti autori affidabili e rodati, la vera pacchia di ogni editor!




 A breve uscirà il n. 10, un albo nel quale ho accostato un paio di autori affermati ad alcune amiche di talento; ne è venuto fuori un prodotto leggero, molto più commerciale degli albi precedenti, ma che non dovrebbe scontentare proprio nessuno, tranne Gianfilippo Pizzo e il suo gruppo di decani della SF più canonica.

Quest'anno che ormai volge al termine è stato per me fondamentale e malgrado le sorprese negative, i tradimenti, i voltafaccia e la generale pochezza riscontrata in molti operatori del settore, sono molto soddisfatto. Le Scritture Aliene mi hanno permesso di lanciare o confermare alcuni talenti in erba, vedi caso si tratta proprio degli autori meno presenti sui social network, dei più educati, dei più dotati.

Mi spiace di aver disseminato negli albi alcuni racconti (pochi per fortuna) di qualità modesta, opera di presunti amici e amiche degni della ghigliottina, che mi hanno costretto a operazioni di riscrittura sconfinanti nel ghost writing. Pazienza, per fortuna le mele marce se allontanate per tempo non infettano la frutta buona.

Non escludo però di scartare altri frutti maturati TROPPO IN FRETTA.

Sono invece contento di avere dato spazio ad altri autori ancora, che magari non sono dotatissimi, non strombazzano e non imprecano, ma che con umiltà non temono di sporcarsi le mani. Per loro la porta sarà sempre aperta, lavorando con costanza si ottengono i risultati più inattesi, magari sarà proprio tra questi autori 'occasionali' che si annida il prossimo premio Urania, chi lo sa? Sempre che la combriccola dei senatori mondadoriani decida di cooptare un non affiliato, sia chiaro!

Le Scritture Aliene a breve potrebbero subire notevoli mutamenti, quali un cambio di editor. In questo caso, lo dico da subito, si ripartirà da zero e ricominceremo da capo, come e con chi non so, ma di certo il mio piccolo progetto non si fermerà fino a quando non resterò completamente solo.

Fino ad allora continueremo a fare grandi e piccole cose insieme. I premi telecomandati e le pubblicazioni a grappolo lasciamole pure ai guitti, ai cialtroni, ai mitomani; la SF è talento, pazienza, umiltà e con la POLITICA AZIENDALE non c'entra né c'entrerà mai un BENEAMATO CAZZO.



Il Cosmobabbuino vi augura un felice autunno, ricco di creatività e soddisfazioni, morali e non. Miei cari cosmoprimati, ricordate: la scrittura non è merce ma arte. Siate fieri di quello che scrivete! Tutto il resto è noia.

 

 

Views: 704 | Added by: edorzar | Tags: scritture aliene, Katia Guido, Daniele Vergni, Simone Messeri, writer's dream, Stefano Roffo, Tommaso Russo, Gianfilippo Pizzo, Claudio Cordella | Rating: 5.0/2
Total comments: 0
Only registered users can add comments.
[ Registration | Login ]
Search

Calendar
«  October 2012  »
SuMoTuWeThFrSa
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Site friends


Copyright MyCorp © 2017